giovedì 15 marzo 2018

Recensione (Review Party) | Red Sparrow - Jason Matthews

Buongiorno Readers! Come promesso oggi arriva la recensione di Red Sparrow, romanzo di Jason Matthews da cui è stato tratto l'omonimo film nelle sale cinematografiche dal 1 Marzo, e proprio in occasione dell'uscita nei cinema, noi blogger abbiamo pensato di organizzare un Review Party dedicato a questa spy novel! ^^


Personalmente mi è molto piaciuto il film, il libro è naturalmente più approfondito ma per certi versi forse lo è un po' troppo...la mia opinione? Potete leggerla dopo la scheda libro! ;)



Titolo: Red Sparrow
Autore: Jason Matthews
Editore: DeA Planeta
Data di uscita: 18 Febbraio 2018
Pagine: 508
Rilegato: 18.00 €
E-book: 9.99 €

JASON MATHEWS è un ex agente della cia. Durante i suoi trentatré anni di carriera ha preso parte a diverse operazioni segrete in tutto il mondo, reclutando spie nell’Europa dell’Est, in Medio ed Estremo Oriente. Oggi vive tranquillo in California. Red Sparrow è il suo romanzo d’esordio.

TRAMA Bella, intelligente, intuitiva, votata alla disciplina più ferrea e imbevuta di ideali patriottici. Nella Mosca di oggi, dove nessuno fa più finta di credere che la Guerra fredda sia finita davvero, Dominika Egorova sembra nata per fare la spia. Se non fosse per il carattere impetuoso, che non sempre le riesce di dominare. Quando il padre muore senza preavviso e un brutto incidente la costringe a lasciare l’accademia di danza, Dominika si ritrova invischiata in un gioco la cui portata non sospetta neppure. Lo zio, potente vicedirettore dell’SVR, vede in lei la candidata ideale a diventare una “sparrow”, un’agente segreta specializzata in sofisticate tecniche di seduzione e manipolazione dell’avversario. Ciò che Dominika non può immaginare è la vertiginosa spirale di inganni, violenza, doppio gioco e passione nella quale si ritroverà suo malgrado a sprofondare. E il travolgente passo a due che la vedrà schierata ora contro, ora al fianco di Nate Nash, agente CIA dal carattere schivo ma determinato.

Come saprà la maggior parte di voi, adoro leggere i libri che hanno avuto un tale impatto da diventare un'opera da grande schermo e quando ho saputo che Red Sparrow prima di essere il titolo di un film con protagonista Jennifer Lawrence è stato in realtà quello di una spy novel, bestseller del New York Times, non ho davvero resistito. Dopo aver poi letto che l'autore stesso ha esercitato la professione di  agente della CIA per più di trent'anni, la mia curiosità è salita alle stelle e ho iniziato a leggere questo libro con parecchio entusiasmo.

La storia ha un che di crudo, sin dalle prime pagine l'autore mette nero su bianco sia gli aspetti intriganti della carriera di spia ed agente, sia gli aspetti meno gratificanti che ne possono derivare. Il punto di vista che utilizza per mostrare tutto ciò è molto ampio, anche se principalmente segue le vicende di Dominika Egorova e Nate Nash, due figure dei servizi segreti rispettivamente russi e americani, che si ritrovano su due fronti separati, ma che non sono poi così diversi.
Il respiro di Dominika accelerò, le pulsazioni di Nate anche, ma entrambi ricordarono cosa dovevano fare all'altro e si misero all'opera.
In particolare, la vera Diva è Dominika, una donna che dalla vita ha avuto un grande dono, che l'autore definisce sinestesia, ma che tuttavia si ritrova a remare contro le avversità della sua posizione. Una continua lotta tra freddo buon senso e impeti di rabbia, alimentati da quella politica corrotta, dai sotterfugi e dai soprusi che la circondano.


La Russia secondo Matthews è infatti un complesso macchinario antiquato che arranca nel nuovo mondo frenato dalle catene di una società ormai superata, di leggi non scritte vecchie e ingloriose, che non riesce a distaccarsi da quell'aura di gelida arretratezza. Questa visione negativa ha frenato fin da subito il mio entusiasmo ed è un aspetto della lettura che non mi è decisamente piaciuto. Nel suo essere così schietto, l'autore ha dimenticato di equilibrare la bilancia, di dare spazio anche a quella parte culturale che rende il gelido paese ricco di tradizioni e usanze affascinanti. Sarà che sto studiando la lingua russa e la cultura di questo paese e che quindi ho un debole per la "Россия", ma le sole ricette tipiche a fine capitolo non hanno soddisfatto quel senso di vuoto e negatività legata alla visione unilaterale che Matthews trasmette.

Un altro fattore a sfavore di questo libro è poi la narrazione che risulta essere costellata da una miriade di personaggi, in particolare dalla loro storia e identità, da quelle parole in russo tradotte subito dopo creando ripetizioni che frenano la lettura. In sostanza, lo stile dell'autore che tanto mi ha conquistato con la storia di Dominika, si rivela allo stesso tempo prolisso e poco scorrevole, con descrizioni e digressioni che distraggono dalla trama, punto forte del romanzo.

Una lettura quindi dal ritmo lento, che tuttavia affascina e incuriosisce proprio attraverso la fredda macchinazione costruita pian piano dall'autore. La storia che il lettore si trova ad affrontare è in effetti più intricata di una tela, intessuta con le vite dei personaggi, da fili che uniscono situazioni e da un destino che sembra un unico colpo di scena, ma che con misura si dimostra essere un lento ma costante lavoro di penna.

Quelli che sembrano punti deboli, costruiscono man mano quell'avvincente romanzo il cui ritmo accelera sul finale e che termina la sua corsa con un inaspettato epilogo dopo il quale mi sono sentita nuovamente entusiasta della lettura, sebbene con a fianco un notes con annotate critiche sul romanzo che a quel punto hanno perso parte del loro valore.

La mia valutazione per Red Sparrow è quindi 3/5, una piena sufficienza per un libro che mi ha tenuta sulle spine, che mi ha affascinata immergendomi in un mondo in cui nulla è come sembra, in cui fidarsi vuol dire mettere a rischio la propria vita e in cui ogni mossa è calcolata come di fronte a una scacchiera, un romanzo scritto però con uno stile difficile da digerire, uno di quelli che o si odiano o si amano.
Consiglierei questo libro...a chi è in cerca di un libro complesso, ricco di intrighi e mosse strategiche, con una protagonista di ghiaccio e fuoco.

Nel caso ve lo foste perso, potete leggere un estratto nel Teaser Tuesday #115...Buona lettura! ;)


Per chi non la conoscesse, la serie Red Sparrow è una trilogia e si compone dei seguenti libri, di cui solo due tradotti e pubblicati finora in italiano.

1 Red Sparrow (Red Sparrow)
2 Il palazzo degli inganni (Palace of Treason)



Come già accennato più volte, da questo libro è stato tratto il film Red Sparrow con protagonista (la meravigliosa) Jennifer Lawrence e giusto per incuriosirvi ancora un po', vi lascio il trailer! ;)


E adesso sono curiosa di conoscere i vostri pareri, ma soprattutto se avete letto questo libro o visto il film, come vi è sembrato e se come me avete adorato Dominika...aspetto i vostri commenti e mi raccomando, se siete curiosi, date uno sguardo alle recensioni sugli altri blog partecipanti al Review Party! ^^

4 commenti:

  1. Ciao, non sapevo fosse una serie, credevo fosse auto-conclusivo!
    La tua recensione mi intriga, ma per questa volta credo mi limiterò al film ^_^
    A presto,
    Annalisa
    Lettrice di Libri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa! Sì, anche io inizialmente, ma poi guardando sul sito DeA Planeta Libri ho trovato anche il seguito e cercando su Goodreads il terzo libro! ^^

      Il film è davvero incredibile, per il libro bisogna prendersi del tempo credo, ma alla fine ne vale davvero la pena! :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Sicuramente particolare, deve piacere il genere ma sopratutto lo stile..! :)

      Elimina

Se ti è piaciuto questo post, lascia un commento...fa sempre piacere ricevere un feedback! ;)