lunedì 21 dicembre 2015

Recensione Confraternita del Pugnale Nero, Quasi Tenebra - J.R. Ward

Buonasera lettori! :D
Oggi voglio parlarvi del secondo libro della Confraternita del Pugnale Nero di J.R. Ward: “Quasi tenebra”. 

Titolo: Quasi tenebra
Autore: J.R. Ward
Pagine:  417
Editore: Rizzoli
Pubblicato: 2011
Prezzo: rilegato 16€; BUR 10 €

TRAMA Nella città di Caldwell ci sono uomini che hanno sacrificato il cuore e l'anima a un'entità malvagia, l'Omega. In cambio hanno ottenuto l'eterna giovinezza e una missione: sterminare tutti i vampiri che da secoli popolano la città. Per difendersi dalla voglia di morte dei lesser, i vampiri più forti e coraggiosi si sono riuniti nella Confraternita del Pugnale Nero. Mary ha trent'anni, è umana e non sa nulla della guerra che insanguina Caldwell. Non sa nemmeno che Rhage, occhi verdi, corpo perfetto, è uno di quei vampiri guerrieri, segnato da una maledizione che lo trasforma in un mostro terrificante ogni volta che perde il controllo. Ma tra Mary e Rhage scoppia un amore irresistibile, più forte delle leggi che impediscono a un vampiro di amare un'umana, più forte della malattia che ha di nuovo colpito Mary. L'amore potrà sconfiggere la morte?


Ricollegandomi alla recensione del primo libro, devo dirvi che questo libro è diverso dal primo, in quanto non è più introduttivo come il primo, quindi vi è meno confusione.
Ma passiamo a Rhange e alla sua bestia, protagonisti indiscussi. Bello, biondo, soprannominato Hollywood mica a caso, Rhage potrebbe fare il modello senza troppi problemi. Invece è un guerriero sciupa femmine, dal cuore duro. Finchè non incontra la bella Mary, e nemmeno il suo cuore può resistere.

Di questo libro sono due le parti che ho amato particolarmente. 
La prima è l’inizio, dove i due si conoscono. Diciamo che Rhage è un attimo inquietante, con quei suoi denti strani e quella sua passione per il gelato alla vaniglia, ma è anche un uomo dal cuore d’oro, che sacrificherebbe se stesso per la sua adorata Mary. Mary, una donna che combatte contro qualcosa più grande di lei, che sconfigge la paura pur di aiutare quel ragazzo con cui è uscita, fragile e forte nello stesso tempo, l’unica che riesce a domare la bestia che è in lui.
La seconda parte che ho amato è il finale. Devo dirvelo, ho odiato la Vergine Scriba, ho sofferto tanto, pianto come una disperata e mi sono arrabbiata tantissimo, tanto da voler chiudere il libro e non voler più continuare. Ma volete la verità? Ne è valsa la pena.
Di lati negativi non ne ho trovati, copertina a parte. Come potete notare le copertine che hanno deciso di dare a questa serie non sono proprio il massimo della vita, anzi, ma l’importante è il contenuto.

Certo, la copertina è importante, ma dobbiamo proprio accontentarci. Invece, sono migliori le copertine della nuova edizione BUR (uccellino azzurro escluso) :D


Con i fazzoletti in mano do 4 stelle a questo libro. Davvero magnifico!! *_*



heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb1_t heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb2_t[5] heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb2_t heart292_thumb7_thumb_thumb_thumb6_t[1]



Consiglierei questo libro… Per la dose di sesso presente nel libro, consiglierei la lettura dai 16 anni in su.



- Claire

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo post, lascia un commento...fa sempre piacere ricevere un feedback! ;)